Home   Archive   Submit   Theme
drogata di lacrime

cute to damn in 1 sec

woah | 19.09.14

For the first time ever, the guys have recorded an audio book of their Who We Are Autobiography (on pre-order now and out on the 25th next week).

So now, you can get even closer and listen to the guys tell their story to you in their own words.

On SoundCloud, we’re going to give you some exclusive audio clips from that very book, starting now with a bit of what Harry says!

118728 plays

Harry making sure a fan is okay. x

societykilledheragain:

sweater day | Tumblr on We Heart It.

16/9

One Direction: Albums

❝ La scuola mi piacerebbe di più se non ci fossero tutte quelle persone che appena ti vedono nei corridoi cominciano a giudicare e sparlare dietro le tue spalle.
Se a scuola ci fossero solo i tuoi amici,
quelli con cui ci stai davvero bene e che ti fanno sorridere, e i professori,
che ti insegnano ad affrontare il mondo dei grandi,
beh questa sarebbe un piccolo paradiso,
dove puoi stare tranquilla ed essere sicura di non essere sempre sotto il mirino dei giudizi. ❞

— (via diariodiunaragazzastramba)

x
❝ 

Mi ricordo un giorno in cui avevo circa 5 anni, ed ero uscita con le mie quattro amichette e le nostre mamme. Eravamo a una specie di sagra, in cui c’era uno stand di beneficenza in cui vendevano delle bamboline fatte a mano dai bambini poveri. Tutte noi bambine le volevamo, ed eravamo felici di contribuire al benessere di bimbi non fortunati quanto noi. Così tutte le mie amichette corsero dalle madri a chiedere qualche soldino per potersi prendere la bambolina. Le madri glieli diedero, e le bambine si presero delle bambole graziosissime, che si abbinavano benissimo ai loro sorrisi. Io ero ferma. Ero felice per loro, ma in cuore mio anche io volevo una bambolina tutta per me, solo che mi ero ricordata quando al supermercato la mamma mi aveva detto “questa volta prendiamo un panino in meno, abbiamo bisogno di risparmiare un pochetto che lo stipendio di papa è sempre meno”. Io le avevo chiesto “mamma, cos è lo stipendio?” E lei aveva detto ” sono i soldi che riceve papa” . Io le chiesi ” e come mai papà riceve dei soldi? ” Lei mi disse “perché lavora e si stanca per noi”. A quel punto io ho pensato che papà ci doveva volere davvero bene per farci questo, così non volevo chiedere i soldi a mamma, sapendo che lei faceva tanto per risparmiare. Dopo un pò, noi bambine tornammo alle mamme e mia madre si accorse che ero un pò triste, ma io cercavo di mascherare la tristezza. Lei capì che era per non aver preso la bambolina. E non capì solo quello, lei capì tutto. Così mi prese per mano e mi portò allo stand di benedificienza. Era passato un bel pò da quando le mie amiche avevano preso le loro bamboline. Così mamma mi chiese “quale bambolina vuoi?” Io ero felicissima di poter scegliere, ma il ragazzo dietro la cassa mi disse che erano rimaste solo due bamboline perciò non avrei avuto una vasta scelta. Me le porse e io le guardai: c’era una bambolina molto bella, dai capelli biondi e gli occhi grandi grandi e celesti. E un’altra bambolina, altrettanto bella, ma di una bellezza particolare. Aveva le lentiggini e i capelli ricci, arruffati. Mi assomigliava molto. Quando la presi in mano, notai che aveva la mano destra leggermente rovinata, con del cotone superfluo, perché si era un pò danneggiata. Io scelsi senza alcuna esitazione quella bambolina imperfetta e, me lo ricordo ancora, sapevo che io sarei stata sempre come lei, cuore spezzato o mano scucita che fosse, ancora con un sorriso sul viso. Al ritorno, tutte le mie amiche vollero vedere la mia bambolina. Inizialmente io me ne vergognai, poi però mostrai con orgoglio la mia bambolina scucita. Le mie amichette mi guardarono male, guardarono male l’imperfezione della bambolina.

Sono una ragazza adesso, anche loro. Ma nessuna delle mie amiche ha conservato quella bambolina. La mia invece è poggiata al lato del divano, che mi fissa ricordandomi di avere forza ogni giorno, e di aspettare senza paure quella persona che mi sceglierà, pur in mezzo a un mare di persone, che mi vedrà perfetta nella mia imperfezione.

 ❞

— 

Gliocchituoiparlano (via gliocchituoiparlano)

*-*

(via haiunoceanoinqueiocchi)

Dio..

(via -velenoeantidoto)

Non posso farcela. Mi viene da piangere. Cristo.

(via settecentocinquantottokilometri)

Wow… *-*

(via seilacausadelmiosorriso)

I brividi giuro.

(via kissgirlandboys)

Stupenda.

(via kissesonmyneckandcutonmyarms)

Che meraviglia

(via amareincondizionatamente)

La leggo ogni giorno a mia sorella di 4 anni prima che vada a dormire…

(via peoplewilldisappointyou01)

"Che mi vedrà perfetta nella mia imperfezione..che grande questa ragazza!"

(via coraggioamorefiducia)

Lacrime

(via emptyeyes—mymind)

Oh…

(via hello-i-hate-distance)

Sto piangendo.

(via uraganoneimieiocchi)

Ho i brividi…

(via uraganoimperfetto)

Che cosa bellissima..

(via piccoligrandiricordi)

Oddio,piango..

(via 623km)

'Qualcuno mi vedrà perfetta nella mia imperfezione'

(via iamapancakeeee)

shynessispartofme:

"Voglio andare via. La soluzione più giusta per me. Stringimi le mani e dopo vieni con me, andiamo via."

shynessispartofme.

❝ 

Tutte quelle foto che lei posta di voi due, mi hanno fatto notare una cosa: tu non sorridi mai.
‘Ridi’, fai un piccolo sorriso che non significa niente e nell’ultima foto postata da lei, sembrava quasi che ti desse fastidio la sua vicinanza.

Eppure, mi vien da pensare, quando ho ho sussurrato di amarti, hai sorriso, non riuscivi a stare fermo e hai detto ‘mi vuoi morto?’, e ho sorriso anch’io.

Eppure, ogni volta che mi sfioravi il naso e facevo una faccia buffa, sorridevi.
E sorridevi ogni volta prima di un bacio, sorridevi quando ti mostravo la mia parte infantile, sorridevi quando mi scompigliavi i capelli.
Sorridevi quando mi facevi il solletico quella sera, al falò, e sorridevi mentre io scappavo e tu mi rincorrevi per buttarmi sulla sabbia nuovamente.
E hai sorriso quando ti ho detto che il braccialetto a forma di chiave, rappresentava la chiave del mio cuore.
Sorridevi.
Tu sorridevi e non c’era niente di più bello per me.
E adesso, vedere quanto lei sbandieri la ‘vostra’ felicità e non vederti sorridere di gusto, mi rende triste.

Anche se non dovrebbe, anche se non sei più affar mio, sono triste al solo pensiero che tu possa essere triste.

 ❞

— miamerestisenonfossimestessa. (via miamerestisenonfossimestessa)